Ingredienti
  • 480Spaghetti
  • 200Guanciale
  • 5 Uova (uno a testa + 1)
  • 120Pecorino romano
  • q.b. Pepe nero
  • 2 pizzichi di Sale grosso (per l’acqua di cottura della pasta)

Ricorda una regola fondamentale: si conta sempre un uovo a testa + uno (oppure uno ogni 100g di pasta + uno).
Inoltre l’uovo nella Carbonara va messo rigorosamente intero, in quanto è un piatto della tradizione contadina-pastorale e gli alimenti si sfruttavano nella loro interezza!

1–Metti a bollire l’acqua per gli spaghetti con due pizzichi di sale grosso. Gratta il pecorino non fino, ma piuttosto grossolano.

2–Taglia il guanciale a listarelle e mettilo a sfrigolare come si dice a Roma, ovvero a soffriggere dolcemente in una padella antiaderente, non serve aggiungere l’olio, il guanciale soffriggerà nel suo stesso grasso, che una volta diventato trasparente, è pronto. Raccoglilo con una schiumarola e trasferiscilo su un piatto, lasciando la padella ben unta del suo grasso.

3–All’interno di una scodella rompi le uova, unisci una parte di pecorino (due cucchiai rasi) e aggiusta di pepe, quindi sbatti con una forchetta. Una volta cotti gli spaghetti, scolali con un forchettone direttamente nella padella a fuoco spento.

4–Unisci subito le uova e amalgama velocemente e con cura, aggiungi anche il guanciale. La fiamma deve essere spenta, altrimenti con l’eccessivo calore si rischia di far diventare l’uovo una frittatina, mentre invece deve restare assolutamente cremoso (non liquido mi raccomando). Basterà il calore stesso degli spaghetti appena scolati ad amalgamare perfettamente il tutto. Spolvera con altro pecorino, pepe, e servi subito ben calda.

Buon appetito!!

Il Prodotto

GUANCIALE NAZIONALE STAGIONATO

CARNE: carni nazionali selezionate

LAVORAZIONE: salagione a secco

CARATTERISTICHE: guanciale nazionale stagionato

GUSTO: dolce, delicatamente affumicato

it_IT
en_US it_IT